Abbadia San Salvatore

Abbadia di Sant'Antimo


Acquapendente


Arcidosso


Arezzo


Asciano


Badia di Coltibuono


Bolsena Lago


Bomarzo


Buenconvento

Campagnatico


Castell'Azarra


Castellina in Chianti


Castiglione d’Orcia

Castelnuovo Bererdenga


Castiglioncello Bandini


Castiglione della Pescaia

Celleno


Città di Castello

Cività di Bagnoregio


Gaiole in Chianti

Iris Origo

La Foce


Manciano


Maremma


Montalcino


Monte Amiata


Montecalvello

Montefalco


Montemerano


Monte Oliveto Maggiore

Monticchiello

Monticiano

Orvieto

Parco Naturale della Maremma

Piancastagnaio

Pienza


Prato

Pitigliano


Rocca d'Orcia

Roccalbegna


San Bruzio


San Galgano


San Quirico d'Orcia


Sansepolcro


Santa Fiora


Sant'Antimo


Sarteano


Saturnia


Scansano


Sinalunga


Sorano

Sovana

Sovicille


Talamone

Val di Chiana

Val d'Orcia

Vetulonia

Volterra




                     
 
Trekking in Toscana
             
 
Monte Amiata, vista da Monticello Amiata


Monte Amiata, vista da Monticello Amiata
Walking trails in Tuscany Travel guide for Tuscany
       
   

Trekking sul Monte Amiata: percorsi a piedi | Nei castagneti di Arcidosso

   
   

Il Monte Amiata è una presenza inconfondibile nel panorama della Maremma: unica vera montagna della Toscana meridionale, è con i suoi 1736 metri il più elevato tra i vulcani spenti italiani. Noto per i suoi centri medievali, per la sua gastronomia e per le sue piste da sci, è rivestito a partire dagli 800 metri da una magnifica foresta che alterna il castagno all'abete e al faggio. Affacciato a nord-est sui dolci paesaggi della Val d'Orcia, l'Amiata chiude verso oriente il panorama della Maremma, ed è a portata di mano dalle colline di Grosseto.

Chi s'interessa alla storia ha a disposizione i centri storici di Arcidosso, Castel del Piano, Santa Fiora e Seggiano e numerosi monumenti isolati. Le Riserve Naturali Provinciali del Monte Labbro e del Monte Penna, che si estendono intorno ai due più importanti satelliti del Monte Amiata e l'Oasi WWF del Bosco Rocconi, base per i progetti di reintroduzione del capovaccaio in Maremma.

Percorso a piedi | Nei castagneti di Arcidosso

PUNTO DI PARTENZA E ARRIVO: Capannelle Grappolini (circa 1 km fuori da Arcidosso, sentiero circolare).
LUNGHEZZA: 6.2 Km. DURATA: 3 ore circa. TIPO DI STRADA E PAESAGGIO: 3 Km circa di strada asfaltata, poi strada a sterro e sentiero di bosco attraverso un paesaggio bellissimo e magnifici castagneti; non c’ panorama ma in compenso molta ombra.
DISLIVELLO COMPLESSIVO: 320 m.
SEGNALETICA: Di tanto in tanto segni di vernice rossi e bianchi e segnali di legno posti dall’associazione “Strada della Castagna”.
PUNTI DI RISTORO: Una piccola bottega nel borgo di San Lorenzo (chiuso a pranzo).

Una volta arrivati ad Arcidosso, allo spartitraffico dove si trova il distributore di carburante AGIP, girare in direzione Bagnoli. Dopo 900 m c’ un bivio: proseguire a sinistra in direzione Capannelle. Subito dopo questa diramazione potete parcheggiare la macchina sulla destra dietro la chiesa di Santa Mustiola. Qui inizia il sentiero su asfalto in direzione “Capannelle”-“Grappolini”. Attraversare il paese (vista di Arcidosso a sinistra). Una volta passato il paesino continuare fino al bivio e quindi mantenersi sulla destra. Qui si trova un pannello con una descrizione della “Strada della Castagna” (un percorso che in parte seguiremo anche noi). Da questo pannello con la descrizione del sentiero proseguire per circa 400 m fino a raggiungere l’insegna di uscita del paese Piane. A questo punto lasciare la strada asfaltata per seguire la strada a sterro sulla sinistra. Questo sentiero permette di immergersi in un meraviglioso castagneto dove si pu ammirare anche un antico seccatoio che serviva per l’essiccazione delle castagne. Dopo circa 1.100 m si arriva a un bivio. Qui, poco prima del piccolo segnale della “Strada della Castagna”, svoltare a sinistra in un sentiero di bosco che va in salita. (A questo punto si abbandona il percorso della “Strada della Castagna”). Si giunge quindi a un bivio al quale si svolta a sinistra (a destra c’ un seccatoio). Si passa subito vicino a una casa in pietra che si trova alla nostra sinistra, proprio sul ciglio della strada. Ignorare la diramazione a sinistra che si incontra dopo circa 10 m; svoltare invece a sinistra, al secondo bivio, dopo altri 10 m circa. Alla diramazione successiva seguire il sentiero che scende a destra e oltrepassare il letto di un torrente. Da qui il sentiero ricomincia a salire. Si rag- giunge quindi un boschetto di castagni e poi si segue il sentiero che scende a sinistra. Una volta usciti dal bosco folto dei castagni, ci si trova di fronte a un meraviglioso panorama. A Ovest si pu ammirare Arcidosso. Lo spiazzo con enormi blocchi di pietra trachitica ideale per una pausa. Da qui il sentiero scende. Bisogna attraversare il letto di un torrente. Il sentiero fiancheggiato da un muretto in pietra. Una grande costruzione sulla sinistra preannuncia il borgo di San Lorenzo. Lasciare il bosco e proseguire per “Via Del Peperino” (strada asfaltata) fino a raggiungere “Via della Montagna” e quindi svoltare a sinistra. (Se si segue “Via della Montagna” a destra, dopo circa 200 metri si incontra un piccolo negozio). Al bivio rimanere sulla sinistra e proseguire ancora lungo “Via della Montagna”. Per questa strada si gira intorno al paesino per poi raggiungere di nuovo l’incrocio da cui si era partiti. Qui, al segnale di STOP girare a destra in direzione “Capannelle – Grappolini” e quindi alla macchina.

 

 

   
   

 

 
L'essiccatoio per castagni

Links

Piancastagnaio | Monte Amiata Chestnut Trail 

La strada delle Castagna del Monte Amiata


La strada della castagna del Monte Amiata è il percorso all'interno di un territorio specifico del Monte Amiata indicato come "paesaggio del castagno e delle attività umane in esso presenti e proprie di tale paesaggio". La strada della castagna attraversa la fascia fitoclimatica del Castanetum del versante Grossetano. Su questo lato della montagna il limite inferiore del castagneto è intorno ai cinquecento metri di altitudine (zona di Cana e Monte Faete, nell'itinerario del comune di Roccalbegna), quello superiore è circa sui mille metri.

Sul Monte Amiata esiste una civilizzazione del castagno di grande ricchezza sia antropologica che naturale - le cui tracce risalgono all'VIII sec. (documenti dell'Abbazia di San Salvatore).

Per facilitare la visita e l'osservazione sono stati scelti all'interno di questo ampio territorio sette itinerari, tutti di facile percorribilità a piedi. Ogni itinerario possiede caratteristiche peculiari.


 
 
   


Case vacanza in Toscana | Podere Santa Pia

     

Podere Santa Pia
Castiglioncello Bandini
Sant'Antimo
         

   
Cypress-Lined Montichiello Road, south of Pienza, Val d'Orcia, Tuscany
Sovicille
Certaldo
Monticchiello

         
Montalcino
Siena

Arcidosso

 

Montalcino


         

Trekking sul Monte Amiata | Sentieri per scoprire le meraviglie del Monte Amiata

 

      Dal Vivo d'Orcia all'Eremo e all'Ermicciolo fino alle sorgenti del Vivo [LUNGHEZZA: 10 Km circa. DURATA: 3 ore circa]

     
Nei castagneti di Arcidosso [LUNGHEZZA: 6.2 Km. DURATA: 3 ore circa]

      Da Tepolini attraverso i castagneti de.."la strada della castagna" [ LUNGHEZZA: 4.2 Km circa. DURATA: 1 ora e 1/4 ]

      Da Abbadia San Salvatore a Piancastagnaio [LUNGHEZZA: 13 Km circa. DURATA: 3 ore 1/2 circa ]

      Attraverso la riserva naturale de "il Pigelleto" [LUNGHEZZA: circa 10 Km. DURATA: 3 ore 1/2 circa ]

      Dal parco faunistico del Monte Amiata alla cima del Monte Labbro [LUNGHEZZA: circa 6,5 Km. DURATA: 3 ore circa]

      Da Bagno Vignoni, un'immersione nella Val d'Orcia [LUNGHEZZA: circa 12 Km. DURATA: 4 ore circa ]

      Da Semproniano al piccolo borgo di Rocchette di Fazio [LUNGHEZZA: circa 10 Km. DURATA: 3 ore e 1/2 circa ]

      Da Seggiano al castello di Potentino [LUNGHEZZA: circa 13 Km. DURATA: 3 ore e 1/2 circa ]

      Dal Prato delle macinaie alla vetta del Monte Amiata [LUNGHEZZA: circa 7 Km. DURATA: circa 2 ore e 1/2 ]