Abbadia San Salvatore

Abbadia di Sant'Antimo


Acquapendente


Arcidosso


Arezzo


Asciano


Badia di Coltibuono


Bolsena Lago


Bomarzo


Buenconvento

Campagnatico


Castell'Azarra


Castellina in Chianti


Castiglione d’Orcia

Castelnuovo Bererdenga


Castiglioncello Bandini


Castiglione della Pescaia

Celleno


Città di Castello

Cività di Bagnoregio


Gaiole in Chianti

Iris Origo

La Foce


Manciano


Maremma


Montalcino


Monte Amiata


Montecalvello

Montefalco


Montemerano


Monte Oliveto Maggiore

Monticchiello

Monticiano

Orvieto

Parco Naturale della Maremma

Piancastagnaio

Pienza


Prato

Pitigliano


Rocca d'Orcia

Roccalbegna


San Bruzio


San Galgano


San Quirico d'Orcia


Sansepolcro


Santa Fiora


Sant'Antimo


Sarteano


Saturnia


Scansano


Sinalunga


Sorano

Sovana

Sovicille


Talamone

Val di Chiana

Val d'Orcia

Vetulonia

Volterra





 
Viaggare in Toscana
             
 

La Rocca Silvana, Selvana| Castell'Azzara

D E

Rocca Silvana, Selvena, Castell’Azzara, Monte Amiata[1]

 

Travel guide for Tuscany
       
   

La Rocca Silvana, Selvana | Castell'Azzara


   
   

La Rocca Silvana si trova nei pressi del centro minerario di Selvena, nel comune di Castell'Azzara.

Storia

La rocca fu costruita nel corso del IX secolo ed era un antico possedimento dell'abbazia di San Salvatore al Monte Amiata.

Nei secoli successivi divenne proprietà della famiglia Aldobrandeschi, assumendo un ruolo strategico per il controllo e lo sfruttamento delle vicine miniere di cinabro ed entrando nelle mire espansionistiche di Siena, sotto la cui giurisdizione passò attorno alla metà del XIV secolo.

Tuttavia, il dominio senese non fu molto lungo, in quanto gli Orsini di Pitigliano riuscirono ad inglobare la fortificazione nella loro contea nei primi anni del XV secolo. La rocca entrò a far parte del Granducato di Toscana attorno alla metà del XVII secolo, assieme a tutti gli altri territori della Contea degli Orsini che, proprio in quest'epoca, scompariva definitivamente dallo scenario politico.

Da allora, la fortificazione fu gradualmente dismessa, andando incontro ad un lungo ed inesorabile declino che si è protratto fino agli ultimi anni del XX secolo, quando una serie di campagne di scavo e di interventi di restauro hanno permesso il recupero degli imponenti ruderi che testimoniano, ancora oggi, l'importanza della rocca nei secoli passati.

 

   
   

Mappa Rocca Silvana, Selvena | Ingrandire mappa


 

 
   

Architettura

La Rocca Silvana si trova sulla vetta di un monte, dal quale si domina la vasta area circostante.

Nella parte bassa si estendeva il borgo, di cui rimangono le strutture murarie dei vari edifici, mentre nell'area sommitale si trova il palazzo signorile, a pianta quadrangolare, disposto su due livelli, presso il quale vi sono i resti di una cisterna per la raccolta e la distribuzione dell'acqua.

Il complesso è costituito anche da due torri, di cui una situata di fianco all'antico cassero, presso il quale si trovava un'altra cisterna.

Bibliografia

Riccardo Francovich, Archeologia e storia a Rocca Silvana, Siena, Nuova Immagine, 1997.
Aldo Mazzolai, Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura, Firenze, Le Lettere, 1997.
Giuseppe Guerrini, Torri e castelli della provincia di Grosseto, Siena, Nuova Immagine, 1999.



Castle Rocca Silvana near Selvena, Castell’Azzara, Monte Amiata Area   RoccaSilvanaCastellAzzara4   RoccaSilvanaCastellAzzara5
         
         


Cicloturismo nella Maremma in Toscana | 35 Percorsi ciclistici

24. La riserva del Pigelleto e il Monte Penna

Riserva Natura le del Pigelleto - Castell’Azzara - Selvena - Riserva Natura le del Pigelleto

26. La valle del Fiora e le città del Tufo

SANTA FIORA - SELVA - SELVENA - ELMO - SORANO - PITIGLIANO - SOVANA - SAN MARTINO SUL FIORA - BIVIO CATABBIO - SEMPRONIANO - PETRICCI - TRIANA - LOCALITA' AIOLE - SANTA FIORA



[1] Photo byLigaDue, licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported


 

 

 

Questo articolo è basato sull'articolo Rocca Silvana a dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.