Abbadia San Salvatore

Abbadia di Sant'Antimo


Acquapendente


Arcidosso


Arezzo


Asciano


Badia di Coltibuono


Bolsena Lago


Bomarzo


Buenconvento

Campagnatico


Castell'Azarra


Castellina in Chianti


Castiglione d’Orcia

Castelnuovo Bererdenga


Castiglioncello Bandini


Castiglione della Pescaia

Celleno


Città di Castello

Cività di Bagnoregio


Gaiole in Chianti

Iris Origo

La Foce


Manciano


Maremma


Montalcino


Monte Amiata


Montecalvello

Montefalco


Montemerano


Monte Oliveto Maggiore

Monticchiello

Monticiano

Orvieto

Parco Naturale della Maremma

Piancastagnaio

Pienza


Prato

Pitigliano


Rocca d'Orcia

Roccalbegna


San Bruzio


San Galgano


San Quirico d'Orcia


Sansepolcro


Santa Fiora


Sant'Antimo


Sarteano


Saturnia


Scansano


Sinalunga


Sorano

Sovana

Sovicille


Talamone

Val di Chiana

Val d'Orcia

Vetulonia

Volterra





 

             
 

Cicloturismo in Maremma - 29. Verso il Giardino dei Tarocchi

 

 

Travel guide for Tuscany
       
   


Cicloturismo in Maremma | Verso il Giardino dei Tarocchi


   
   

CAPALBIO - VERSO IL GIARDINO DEI TAROCCHI
Capalbio - Bivio Pescia Fiorentina - Garavicchio (Giardino dei Tarocchi) - Borgo Carige - Capalbio

29. Verso il Giardino dei Tarocchi

Capalbio - km 0 - Bivio Pescia Fiorentina - km 3 - Garavicchio - km 7.8 - (Giardino dei Tarocchi) - Borgo Carige - km 12.3 - Capalbio - km 18

Punto di partenza e arrivo: Capalbio
Lunghezza: 18 km
Dislivello: 240 m
Tipo di strada: asfalto
Bicicletta: strada e tuttoterreno
Difficoltà: medio – facile
NOTE: itinerario di breve chilometraggio senza particolari difficoltà altimetriche; la salita verso Capalbio infatti è pedalabile e non presenta
pendenze impegnative. Molto bello da un punto di vista paesaggistico. Consigliata la visita al Giardino dei Tarocchi. Possibilità di ristoro a
Borgo Carige.

Le amene mura del borgo storico di Capalbio ospitanoalcuni ristoranti. Senza prenotazione devi essere fortunato se riesci a trovare un tavolo.
Viaggare in Toascana | Capalbio migliori ristoranti

Il percorso è molto bello e interessante dal punto di vista paesaggistico. In esso si apprezza la bellezza delle colline e della campagna maremmana. I punti d’interesse sono il pregiato centro storico di Capalbio e il Parco artistico del Giardino dei Tarocchi.

Si lascia il borgo di Capalbio segendo le indicazioni per Pescia Fiorentina, Manciano e Marsiliana. Passati davanti all’ufficio postale si imbocca la S.P. 75 “Pescia Fiorentina” che esce dalla zona abitata costeggiando il cimitero.

La strada è molto bella, costeggiata da muri in pietra e immersa nel verde di oliveti, querceti e lecceti, si sviluppa in prevalente discesa.

Dopo 3 km, all’incrocio, si prosegue dritti verso Pescia Fiorentina e Giardino dei Tarocchi. La strada procede in discesa snodandosi in un bellissimo ambiente collinare che sintetizza tutti gli aspetti della campagna maremmana.
Raggiunto un incrocio (6.1) si procede in direzione Chiarone Scalo proseguendo sulla S.P. 75 che regala un profilo altimetrico vario, prima con una discesa a gradoni, poi con un tratto vallonato fino alla deviazione per il Giardino dei Tarocchi in località Garavicchio (7.8). Poco dopo, circa 200 m, si lascia la S.P. 75 per girare a destra sulla S.P. 93 “Pedemontana” (8) verso Carige.
La Pedemontana ha un andamento ondulato, è accompagnata da belle querce da sughero e attraversa tipiche campagne maremmane con oliveti, vigneti, campi di grano e case coloniche. Raggiunto Borgo Carige, alla fine del centro abitato (12.7), si lascia la Pedemontana per imboccare, sulla destra sulla S.P. 63 verso Capalbio.

Dopo circa 2 km la strada lascia la campagna per entrare in una fitta lecceta dove comincia la salita pedalabile verso Capalbio (18). [1]

   
   

Capalbio

 

Capalbio and Lago Burano

"Capalbio è un Castello situato sull´alto di un Poggio, che domina una vasta pianura fino al mare, e dentro terra estende la vista a paesi lontanissimi" (G. Santi, 1795).

 

 

 

 
   

 




Turismo in Toscana | Case vacanza in Toscana | Podere Santa Pia


Torre di Buranaccio

La torre di Buranaccio [3]

 

     

Podere Santa Pia
Podere Santa Pia
 Il Molino Spagnolo, uno dei simboli di Orbetello, è l'unico mulino a vento che si è conservato della serie di nove costruiti dai Senesi

Capalbio - Camminamento sulle mura 01     Torre Senese

Camminamento lungo le mura di Capalbio. Ci sono alcuni ristoranti lungo le mura di questo meraviglioso borgo con vista sulla valle del buttero.[4]

 

  Capalbio, Chiesa di San Nicola  

Mura di Capalbio, Torre Senese


Pescia Fiorentina

 

Pescia Fiorentina è una frazione rurale del comune di Capalbio. Dista da Capalbio circa 6 km.
La frazione rurale di Pescia Fiorentina rivestiva un ruolo importante nell'economia della bassa Toscana, in quanto dal 1420 al 1530 divenne uno dei maggiori centri della Maremma in fatto di siderurgia e il principale dell'area meridionale,[1] come confermato in un diario datato 1572, in cui l'autore Francesco Rasi, durante un viaggio in Maremma, riporta la presenza nel paese di un forno fusorio e di ferriere, che trattavano i materiali ferrosi proveniente dall'Isola d'Elba.[1][2]

Nella campagna presso l'abitato di Pescia Fiorentina, vi era la sede di una dogana che era ospitata nel complesso della Villa del Fontino. Una volta esauritesi le funzioni doganali, la struttura passò alla famiglia Boncompagni, proprietaria anche del Palazzo del Chiarone, che agli inizi del Novecento rivendette tutte queste proprietà alla famiglia Magrini. Il fabbricato che ospitò la dogana è stato recentemente ben restaurato e trasformato in residence agrituristico.

In località Garavicchio, poco a sud della frazione, nei pressi della fattoria di Garavicchio, così denominata per la presenza nelle vicinanze della vecchia dogana (guardia vecchia), si trova il Giardino dei Tarocchi, parco tematico creato dall'artista Niki de Saint Phalle, principale attrazione turistica del comune di Capalbio.

  1.  Bruno Santi, Guida storico-artistica alla Maremma. Itinerari culturali nella provincia di Grosseto, Siena, Nuova Immagine, 2007, pp. 308–309.
  2.  Isabella Casini, Il complesso siderurgico della Pescia Fiorentina. Secoli XV-XIX, Capalbio, A.A.S.T., 1982.

 

 

La storia del giardino su una lapide all'ingresso [2]

 



Tombola di Feniglia, vista dal
Monte Argentario

 

Parco Naturale della Maremma


Torba


Il motto dell’artista Niki de Saint Phalle

 

Questo il motto dell’artista Niki de Saint Phalle, acanto dell’ingresso dal parco ideato da lei, il Giardino dei Tarocchi.

“A me dà più soddisfazione fare qualcosa di bello per gli altri e per me che avere, AVERE, AVERE… sempre di più, di più, DI PIÙ…”

 

Niki de saint-phalle, giardino dei tarocchi, Motto dell'artista, su una piastrella de L'Appeso

Motto dell'artista, su una piastrella de L'Appeso. [2]

 

 


[1] Fonte: Cicloturismo Toscana | www. maremmabike.it
[2] Foto da Sailko, licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale
[3] Foto daLupone, licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license.
Thisis a photo of a monument which is part of cultural heritage of Italy. This monument participates in the contest Wiki Loves Monuments Italia 2014. See authorisations. (wiki-ID:053003121)
[4] Foto da, Luca Aless licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale

 

Questo articolo è basato parzialmente sull'articolo Pescia Fiorentina dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.
Wikimedia Commons contiene file multimediali su Capalbio.