Cattedrale dei Santi Pietro e Donato

Santa Maria della Pieve

Basilica di San Francesco

Chiesa di San Domenico


Bargello Museum

Battistero di San Giovanni

Churches, cathedrals, basilicas and monasteries of Florence

Galleria dell'Accademia

Loggia dei Lanzi

Loggia del Bigallo (Museo del Bigallo)

Chiesa di Ognissanti

Palazzi in Florence

Palazzo Davanzati

Palazzo Medici Riccardi

Palazzo Pitti

Palazzo Rucellai

Palazzo Strozzi

Palazzo Vecchio

Piazze in Firenze

Ponte Vecchio

San Lorenzo

San Marco

San Miniato al Monte

Santa Croce

Santa Maria del Carmine

Santa Maria del Fiore (Duomo)

Santa Maria Maddalena dei Pazzi

Santa Maria Novella

Basilica di Santa Trinita

Santissima Annunziata

Uffizi Gallery

Vasari Corridor


Camposanto Monumentale

San Paolo a Ripa d'Arno

San Pietro a Grado


Chiesa Collegiata (Duomo)



Palazzo Pubblico






 

             
 
Pieve di Cedda


La chiesa di San Pietro si trova a Cedda
Travel guide for Tuscany
       
   


La chiesa di San Pietro a Cedda


   
   

La chiesa di San Pietro si trova a Cedda, una località nel comune di Poggibonsi, in provincia di Siena. La chiesa di San Pietro si trova a Cedda è considerata una delle più belle di epoca romanica conservatesi nel territorio della Valdelsa. La facciata, con tetto a capanna, è realizzata in conci di arenaria ben squadrati; nella parte superiore si trova una bifora aperta in un momento successivo. Il portale ha un’architrave con una decorazione a bassorilievo, con rosette quadrate sulla sinistra e una croce greca al centro, che con i suoi quattro bracci divide le lettere incise R, S, A, Ω facenti parte dell’iscrizione dedicatoria posta sulla destra, giunta a noi in modo incompleto e alterato (IN XΡI NOMINE XΡIAHEI [?] DEDICA + R. S. A. Ω.). Il sovrastante archivolto a tutto sesto ha una decorazione con grappoli d’uva, palmette e fiori con petali circolari, tipica degli edifici romanici della Valdelsa.[1]

Storia

La località Cedda è ricordata per la prima volta nel 998 quando tra i proprietari terrieri della zona risulta esserci il marchese Ugo di Toscana, che poi donerà questi terreni alla badia di Martùri. La prima citazione della chiesa risale invece al 12 settembre 1046 quando viene inserita tra le chiese suffraganee della pieve di Sant'Agnese in Chianti. Probabilmente a quell'epoca era già sede di una comunità di canonici. In seguito alla distruzione del castello di Poggiobonizzio la sua situazione economica migliorò notevolmente come confermato dalle decime pagate per il 1276 che ammontano a 4 lire e 6 soldi ma già l'anno seguente salgono a 6 lire e 10 soldi. Nel XV secolo e nel XVI la chiesa appartenne alla diocesi di Firenze ed aveva una sua chiesa suffraganea: la chiesa di Gavignano.

Nel 1592 con la creazione della diocesi di Colle Val d'Elsa venne annessa a quest'ultima ma non perse il suo status di prioria; nelle viste apostoliche del XVIII secolo la chiesa venne giudicata ben fornita di arredi. La popolazione del popolo di Cedda crebbe costantemente visto che nel 1551 gli abitanti erano 115, per poi salire a 176 nel 1745, a 225 nel 1833 e a 305 nel 1845, ma nonostante ciò la chiesa non venne mai ne ingrandita ne fu oggetto di lavori di adeguamento. Solo all'inizio del XX secolo vennero effettuati dei restauri.


San Pietro (particolare), frescoe, chiesa di San Pietro, Cedda
   
   
Cenni descrittivi


   
La chiesa di San Pietro a Cedda è considerata una degli edifici sacri più belli e importanti della Val d'Elsa ed è una chiesa ad unica navata, molto allungata, terminante in un'abside e coperta a tetto.Esterno

Dal tipo di muratura si ritiene che la costruzione sia stata realizzata in un'unica fase; il paramento murario è costituito da una muratura pseudoisodoma realizzata con pietre arenarie perfettamente squadrate e spianate.

La facciata è a capanna ma è parzialmente coperta sulla sinistra da un edificio successivo. Tra il portale e il tetto è collocata una bifora realizzata in occasione del restauro novecentesco. Il portale sovrastato da una lunetta monolitica presenta un archivolto a tutto sesto decorato con motivi di tipo vegetale ( palme, intrecci di vimini, grappoli d'uva) e da motivi geometrici (triangoli, tipo le pievi di Coiano e Pievescola). Nell'architrave è presente un'iscrizione (IN XPI NOMINE XPIAHEI DEDICA + R.S.A.W.) e ai bordi quale cornice sono dei fregi raffiguranti fogliami (come nella pieve di Mensano). Altre decorazioni dell'architrave sono una croce romanica inserita tra una serie di rosette quadrate.

 

 

Pieve di Cedda, Poggibonsi

 

 

Façade, chiesa di San Pietro, Cedda

Façade, chiesa di San Pietro, Cedda

 

Il fianco meridionale, quello meglio visibile, presenta tre monofore a doppio sguancio e il fianco settentrionale è identico.La tribuna è dominata dal volume dell'abside i cui volumi sono scandirti da paraste. Il coronamento presenta una cornice svasata e una seri di tredici archetti a risega decorati come il portale d'ingresso e poggianti su mensole antropomorfe o zoomorfe alternate. Nel mezzo dell'abside si apre una monofora a doppio sguancio. Nel paramento murario posto sopra l'abside è visibile una feritoia a croce, motivo tipico delle chiese canonicali.

Interno

L'interno è coperto a capriate in vista ed è molto allungato rispetto ai canoni abituali; un grande arco divide il presbiterio dallo spazio riservato ai fedeli. I sostegni di questo arcone presentano semicolonne con basi ad anelli e i capitelli simulano la presenza di un transetto innestato sul corpo della chiesa. Nel catino dell'abside è presente una cornice scolpita con figure simboliche. Tali figure raffigurano un animaletto che scappa inseguito da un drago mentre nell'altro verso è posta una figura identica seguita da un pellicano, poi c'è Adamo che con una mano stringe il pomo, un'altra testina (forse Eva), un altro animale selvaggio e poi una serie di rosette e testa umane alternate. I capitelli dell'arcone centrale raffigurano due cariatidi decorate con grappoli d'uva ( come nella pieve di Cellole).

Nel presbiterio vi son due portali: quello di sinistra è architravato mentre quello di destra è molto simile a quello della facciata. Da quest'ultimo portale si accede alla torre campanaria.

All'interno le opere pittoriche sono una pala del XV secolo con la Madonna col Bambino e santi e due affreschi: uno trecentesco con San Pietro e l'altro con la figura di una santa, della seconda metà del XIII secolo.

Torre Campanaria

La torre campanaria è posta su uno spigolo alla sinistra della tribuna. Interessante è il portale posto alla base dalla parte esterna; il portale ha un arco a tutto sesto e una lunetta monolitica nella cui architrave sono varie decorazioni raffiguranti una croce romanica, un cherubino, due rosette e una colomba.

 
San Pietro
 
   
La chiesa di San Pietro a Cedda


   
 
Bibliografia
  • Giovanni Lami, Sanctae Ecclesiae Florentinae monumenta, Firenze, Tipografia Salutati, 1758.
  • Emanuele Repetti, Dizionario geografico, fisico, storico del Granducato di Toscana, Firenze, 1833-1846.
  • Emanuele Repetti, Dizionario corografico-universale dell'Italia sistematicamente suddiviso secondo l'attuale partizione politica d'ogni singolo stato italiano, Milano, Editore Civelli, 1855.
  • Attilio Zuccagni-Orlandini, Indicatore topografico della Toscana Granducale, Firenze, Tipografia Polverini, 1857.
  • Cesare Paoli, Il Libro di Montaperti (MCCLX), Firenze, Viesseux, 1889.
  • Antonio Casabianca, Guida storica del Chianti, Firenze, 1908.
  • Pietro Guidi, Rationes Decimarum Italiae. Tuscia. Le decime degli anni 1274-1280, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1932.
  • Pietro Guidi, Martino Giusti, Rationes Decimarum Italiae. Tuscia. Le decime degli anni 1295-1304, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1942.
  • Italo Moretti, Renato Stopani, Chiese romaniche nel Chianti, Firenze, Salimbeni, 1966.
  • Italo Moretti, Renato Stopani, Chiese romaniche in Valdelsa, Firenze, Salimbeni, 1968.
  • Italo Moretti, Renato Stopani, Architettura romanica religiosa nel contado fiorentino, Firenze, Salimbeni, 1974.
  • Renato Stopani, Il contado fiorentino nella seconda metà del Duecento, Firenze, Salimbeni, 1979.
  • AA. VV., Chiese medievali della Valdelsa. I territori della via Francigena tra Firenze, Lucca e Volterra, Empoli, Editori dell'Acero, 1995, ISBN 88-86975-18-X.
  • AA. VV., Chiese romaniche della Valdelsa. I territori della via Francigena tra Siena e San Gimignano, Empoli, Editori dell'Acero, 1996, ISBN 88-86975-08-2.
  • AA. VV., Il Chianti e la Valdelsa senese, Milano, Mondadori, 1999, ISBN 88-04-46794-0.


[1] La località Cedda è menzionata già dal 998 in un documento in cui Ugo, marchese di Toscana, dona due suoi possedimenti in quella zona alla Badia di Marturi. Nel 1046 è citata per la prima volta una chiesa suffraganea della pieve di Sant’Agnese a Castellina in Chianti, che negli anni 1275-77 e 1296-1303 viene ricordata come canonica nelle Rationes Decimarum Tusciaef | www.ecomuseovaldelsa.org
[2] Fonte foto: LigaDue

 

   
Church San Pietro a Cedda in the outskirts of Poggibonsi, Province of Siena

La chiesa di San Pietro a Cedda[2]



Questo articolo è basato sull'articolo Chiesa di San Pietro a Cedda dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.
Wikimedia Commons contiene file multimediali su Chiesa di San Pietro a Cedda.



La Maremma Toscana offre al turista un'incredibile varieta' di situazioni, colori ed emozioni. Un mix perfetto di mare, campagna, collina e montagna che ben si presta ad essere "esplorato" in qualunque periodo dell'anno.
Situato in posizione strategica tra tre province Siena e Grosseto da Casa Vacanze Santa Pia è possibile raggiungere in poco tempo le più belle città d’arte della Toscana.

Case vacanza in Toscana | Podere Santa Pia

     
L'eremo di Montespecchio
Podere Santa Pia
 
Podere Santa Pia, garden
 
L'eremo di Montespecchio
         
Badia a Coneo
Santuario di San Giorgio, Montorgiali, Scansano
Badia a Coneo
Cennano
Santuario di San Giorgio, Montorgiali, Scansano

         
Chiesa di Talciona.jpg
Pieve Campriano
Chiesa di Santa Maria a Talciona, Poggibonsi
Colle di Val d'Elsa, pieve
Pieve di Campriano
         

Il Podere Santa Pia, con una vista indimenticabile sulla Maremma Toscana, è una casa vacanza vicino a Montalcino, immerso nel verde della campagna toscana: un vecchio casolare ristrutturato, circondato da ulivi, cipressi e macchia mediterranea.


.